Un nuovo Mindset Aziendale – Premessa

Negli uffici Commerciali di StampeGrafica ci siamo domandati, fin dal primo giorno di questa pandemia, quali strade intraprendere per aiutare noi e i nostri clienti nella difficile impresa di superare questa drammatica situazione. Dai primi giorni, quindi, abbiamo osservato il trascorrere degli eventi, abbiamo provato da spiegarci le dinamiche ed i cambiamenti che stavano avvenendo e poi abbiamo reagito (che è quello che continuiamo a fare a tutt’oggi!).

Vogliamo mettere insieme il lavoro che abbiamo svolto, con tutte le eventuali riflessioni scaturite e mettere il tutto a disposizione dei nostri clienti e di tutti coloro che ne volessero beneficiare. Come? Semplice. Partendo dal presupposto che non esiste, ad oggi, uno storico ed una casistica sufficiente per delineare scenari futuri già sperimentati, il miglior modo per leggere la situazione è quello di “riflettere” su quelle regole più generali e comprovate e confrontarsi con esse, come davanti ad uno specchio, al fine di stabilire margini di miglioramento aziendale e strategie per il superamento della crisi.

Mindset Aziendale

Il Mindset Aziendale è quell’insieme di credenze, di comportamenti e di atteggiamenti che ognuno di noi (come anche ogni azienda) utilizza, consciamente o per cultura insita, per reagire a situazioni e per fare scelte piccole o grandi che siano. Solitamente, modificare il proprio Mindset, è stimolo e strumento per raggiungere obiettivi prima impensabili.

Per fare un esempio: se io penso di non saper parlare in pubblico, probabilmente eviterò tutte quelle situazioni nelle quali potrei aver bisogno di esprimere le mie opinioni davanti ad altre persone e così facendo questa mia convinzione non verrà mai scardinata (oltre al fatto che non mi darò mai modo di acquisire competenze e fare esperienze in merito).

Perchè parliamo di Mindset e Mindset Aziendale?

Giusto! Avrei dovuto dirvelo prima. La premessa a questa Guida trova le sue fondamenta proprio sul presupposto che chi dovesse trovarsi a confrontarsi e magari acquisire nuove certezze attraverso la lettura dei vari capitoli, sia consapevole fin dall’inizio che senza la volontà di cambiare il proprio Mindset e quello della propria azienda, i risultati sarebbero praticamente nulli. Troppo spesso, nella vita, ho dovuto ascoltare persone che alla domanda: “sai che è così, giusto?” la risposta è stata “Si, lo so”, salvo poi compiere azioni anche opposte a quelle ritenute “corrette”.

Come cambiare il Mindset?

E’ possibile modificare il mio atteggiamento o quello della mia azienda? La risposta è si, ma non è semplice. Anzitutto è necessario ribadire che una buona base teorica è fondamentale per potersi dare obietti di crescita e di sviluppo che siano chiari e positivi. Definiti quindi gli obiettivi da raggiungere, sarà importante tradurre in azioni pratiche e concrete i nuovi elementi del nostro mindset (questo vale sia per il nostro sviluppo personale che per la crescita delle aziende).

Saper guardare oltre le proprie credenze

Ricordate tutti a Gennaio? Io si. La maggioranza assoluta degli Italiani credeva che da noi, il Virus, non sarebbe arrivato. Il mindset più diffuso e comune dei nostri concittadini ha portato a “non leggere la realtà” dei fatti (un popolo di 1 miliardo e mezzo di persone che si stava infettando, fortemente interconnesso con tutto il Pianeta…), ma ad aggrapparci alle nostre credenze (in Cina queste cose accadono, ma qui è un’altra storia!).

Per maggiore chiarezza, quella grande fetta della popolazione Italiana (ma non solo Italiana a quanto pare…), ha reagito seguendo la teoria dell’Agenda Setting. In pratica siamo portati a credere ciò che crede la collettività. Se nessuno parla di qualcosa allora non esiste.

Nota Bene. Altri, in varie zone del mondo, come ad esempio Paul Singer, il 75-enne fondatore del fondo Elliott, già il primo Febbraio avevano messo in allerta gli oltre 450 dipendenti sparsi in varie zone del Pianeta. La fondazione è riuscita a chiudere il trimestre in attivo grazie alle misure prese dal suo fondatore. Lui aveva capito tutto quando il mondo pensava il contrario. Il suo Mindset gli aveva suggerito altro!

Anche le aziende, allo stesso modo, reagiscono seguendo il proprio mindset aziendale e progettano eventuali strategie sulla base di quelle reazioni.

Il Ruolo dei Manager delle Aziende

Come sostiene un recente articolo su Harvard Business Review, l’emergenza non porterà necessariamente a chiusure di aziende e licenziamenti. Ci saranno invece organizzazioni che applicheranno modelli innovativi e che sapranno uscirne migliorate e più solide di prima. L’articolo fornisce alcuni consigli:

  • Comunichiamo apertamente
  • Condividiamo il dolore
  • Coinvolgiamo collaboratori e partner nella generazione di idee
  • Consideriamo tutte le opzioni, persino quelle meno convenzionali
  • Non perdiamo mai di vista i nostri valori e la qualità delle nostre relazioni.

Se l’Executive (Manager) non cambia…

Per primo dovrà essere il manager che dovrà scardinare i blocchi mentali latenti dell’azienda stessa. Diffondere fiducia, Coraggio, agire su diversi fronti e in particolare progettare il salvataggio nel brevissimo periodo mentre si ragiona e si opera per le strategie del medio e lungo periodo.

I valori vissuti e promossi all’interno delle aziende ricoprono solitamente un ruolo fondamentale nelle scelte e negli atteggiamenti con i quali si affrontano le situazioni contingenti. La socializzazione tra i collaboratori e con i partner esterni, oggi trasformata nei modi e nella forma, deve essere valorizzata e incentivata.

Sarà importante costruire e valutare nuovi modelli di lavoro, pensando anche a nuovi benchmark per dare voce a tutti i collaboratori, di ogni singolo settore aziendale.

Dalia MolokhiaHarvard Business Publishing ci ricorda che ora è tempo di agire. Si potrà anche sbagliare, ma stando fermi si fallirà. Il nostro mestiere è quello di adattarsi ai cambiamenti. In fondo lo è sempre stato, perchè questo fa un imprenditore, un lavoratore e volendo anche ogni singolo uomo con finalità e modalità diverse, ma oggi questo nostro agire, adattandoci alla situazione, è divenuto necessario.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.